[NEWS] [presentazione] [percorso] [bibliografia] [mostre] [galleria] [frottage] [mosaici&sculture] [hockeista] [teatro] [contatti]

 

presentazione

Enzo E. Mari è nato a Trieste nel 1939.
Insegnante emerito di Educazione Artistica, come artista si è formato all’Istituto Statale d’Arte della città natale, dove ha studiato sotto la guida di Riccardo Bastianutto, Ugo Carà e Dino Predonzani, conseguendo il diploma di Maturità Artistica.
In virtù della sua propensione ad operare in un rapporto di solidarietà e di condivisione di valori ed obiettivi, confermato anche da un’attività sportiva svolta ai più alti livelli nell’ambito di uno sport di squadra, l’hockey a rotelle, Mari è sempre riuscito a coltivare proficui rapporti con alcuni artisti operanti in campo nazionale ed estero, legati dalla solidità di un’amicizia protrattasi nel tempo e dalla comunanza di una profonda motivazione ideale e culturale.
In tale atteggiamento umano e professionale viene a collocarsi la sua convinta adesione ad altre formazioni quali il “Gruppo &” di Trieste, il Gruppo QUADRA, “Formae Mentis” e l’“Accademia UNA”. Ciò non ha peraltro impedito all’artista di svolgere con continuità un’intensa attività individuale costantemente alimentata da un’appassionata propensione alla sperimentazione ed alla ricerca, sul piano sia tematico sia linguistico, in virtù della quale è riuscito a dar vita ad una produzione artistica di grande originalità e suggestione che lo studioso Sergio Molesi così commenta in un suo saggio critico: “Enzo E. Mari è sempre stato interessato a cogliere nel contempo la sostanza e l’apparenza delle cose, cioè l’aspetto fenomenico e noumenico della realtà, ovverosia in termini artistici l’aspetto plastico e cromatico dell’esperienza visiva.”
“Per attuare questo, l’artista si è servito della tecnica del frottage pittorico.
Con tale mezzo Enzo E. Mari ha trattato dapprima il tema della cartaccia come luogo in cui si imprime la traccia della natura e dell’artificio e poi il tema della pelle su cui si stampa la traccia dell’interiore psichico e dell’esteriore dello spazio e del tempo storico.
In tal modo la pelle del volto si configura come una sorte di sindone o di stendardo sul quale è leggibile la traccia degli eventi personali e storici.”
Enzo E. Mari ha partecipato con diversi interventi alla decorazione artistica dello stadio Nereo Rocco di Trieste, ha allestito mostre personali e partecipato a rassegne collettive a livello locale, nazionale ed internazionale facendo conoscere il suo lavoro in Argentina, Austria, Germania, Portogallo, Russia, Slovenia e Stati Uniti d’America.